non aprite la zip di repubblica.it

Repubblica.it in questo articolo parla dell’email (Bufala) che è arriva a molti da parte del capitano Prisco Mazzi…

L’hanno classificata come una email di phishing, ma in realtà nell’intento dell’autore c’era quello di propagare un bel virus

La cosa che salta al naso è che chi scrive nella sezione Tecno&Scienze di Repubblica.it non conosce appieno il significato di phising e infatti pensa che sia una truffa:

Ecco come funziona questa truffa: trovate nella vostra casella di posta un messaggio, scritto da un fantomatico dirigente di polizia, che vi accusa di aver scaricato illegalmente musica in formato mp3. Vi si accusa prima del reato, quindi vi si propone una sorta di dichiarazione riparatoria con promessa di non farlo più. La dichiarazione sarebbe “prestampata” in un modulo che viene mandato in allegato al messaggio, con un file “zippato”, compattato. Ovvio, non c’è che da scaricare il file, aprirlo e la dichiarazione sarebbe fatta. E anche la truffa.

Un consiglio… lasciate perdere Repubblica.it per quanto riguarda queste notizie e fidatevi del sempre ottimo Paolo Attivissimo, il suo articolo Prisco Mazzi, il “poliziotto” che minaccia via mail è sicuramente più esaustivo e meno frettoloso nelle conclusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisment ad adsense adlogger