poeti si nasce!

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 11 mesi 9 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

hihihihhihihihi , ne è arrivata una bellissima da RAF

Dante, Petrarca e Boccaccio vanno in un’osteria.

Dopo varie trincate, donnacce ed abbondante libagione, Dante sente impellente il richiamo della natura. Va al cesso a defecare e poi, orgoglioso della propria creazione lascia una scritta per i posteri: “In questo posto che di merda è asilo, ho fatto uno stronzo di almeno un chilo. Dante Alighieri”.

Dopo un po’ anche Petrarca sente il bisogno d’assentarsi. Giunto al luogo ameno legge la frase del collega e, punto nell’orgoglio, si sforza il più possibile per essere in grado anch’egli di lasciare ai posteri un verso degno della propria grandezza: “Per non essere di meno alle rime tue, ho fatto uno stronzo che ne pesa due! Petrarca”.

Passa un po’ di tempo ed anche Boccaccio sente un certo stimolo. Giunto ai servizi legge i versi dei propri compari ed impallidisce. Possibile? Si mette d’impegno ma per quanto si sforzi non riesce a produrre più che qualche stronzetto. Si decide comunque a lasciare anch’egli il proprio contributo letterario: “Per fare stronzi di sì tale peso, bisogna per lo meno aver il culo offeso. Boccaccio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisment ad adsense adlogger