wifi: acor3 vademecum

Un mio amico mi ha chiesto come proteggere la rete WIFI di casa, io da bravo hacker gli ho detto:

“Per capire come proteggere un rete wifi devi prima capire come violarla”

e quindi:

l’intrusione

gli ho consigliato l’uso di questi tool (per windows) :

e la lettura dei seguenti articoli:

la protezione

gli ho dato i seguenti consigli:

  • cambiare la user dell’admin (se possibile)
  • cambiare la pwd di admin del router (random e + lunga possibile)
  • disabilitare admin remota via wireless (se possibile) il router si amministra via cavo (+sicuro)
  • disabilitare admin remota via internet (così è possibile amministrare il router solo da LAN interna)
  • disabilitare SID broadcast (così per registrarsi alla rete bisogna conoscere pereventivamente il suo nome)
  • disabilita DHCP oppure prenotazione IP su MAC address (evitiamo di assegnare un IP all’intruso)
  • cambia il range IP interno e non usare subnetmask di default (i settaggi di default sono quelli che rendo la vita facile all’intruso)
  • usa crittografia WPA o WPA2 (quindi non WEP, che è meno sicura)
  • devi mettere la chiave alfanumerica per WPA o WPA2 (mi sembra 64char… generala random ed usa tutti i 64 char)
  • scrivi le chiavi del WPA ed il nome SID su una chiavetta + le autenticazioni di admin del router (non si sa mai :D)

Fate Attenzione

Usate questi tool e le relative guide nei vostri apparati e per le vostre reti, fare diversamente, ossia su reti e verso apparati altrui è reato, chiaro?

Non mi assumo certo io le colpe delle vostre eventuali stupidità !!!

5 thoughts on “wifi: acor3 vademecum

  1. mi sa che la terrò così com’è la mia…potrei distruggere qualcosa se metto le mani pure lì :-d
    comunque sia…ottimo vademecum acor!

  2. la domanda è solo una: ma perchè mai dovrei proteggere la mia rete wifi? non sarebbe meglio lasciarla a disposizione e fottere chi ci vuole costringere a diventare controllori di quello che loro non sono capaci di controllare?

  3. @mago28

    io la proteggerei per eviatre che degli sconosciuti usino la tua wifi per fare truffe e/o per smerciare materiale pedopornografico… perchè poi infase di indagine da parte degli organi di ps poi risulteresti tu il responsabile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.