sciopero benzinai

Repubblica strilla:

Chiusi 9 distributori su 10 Sit-in davanti a Montecitorio

Alta l’adesione dei benzinai allo sciopero di categoria contro le liberalizzazioni
Manifestazione sotto le finestre della Camera. Disagi contenuti tra i consumatori

Ma siamo veramente sicuri che l’adesione sia sta così alta? Io abito a Roma e stamattina dei 4 benzinai che incontro per andare al lavoro erano tutti e 4 aperti e eroganti.

Io per principio non ho fatto scorta di benzina ieri, come ho visto fare da tanti, ma ho detto: se mi basta bene, se non mi basta prendo i mezzi, se non ci sono i mezzi resto a casa e perdo una giornata di lavoro (non sono un dipendente).

L’ho fatto perchè ritengo che questo sciopero sia una presa di posizione delle lobby del petrolio che cercano di rimanere attaccate ai loro privilegi.

E’ inutile che dicano che con le liberalizzazioni si mettono a rischio i posti di lavoro. Quali posti di lavoro? I contratti in nero che fanno ai loro dipendenti fantasmi? I contratti di lavoro a progetto? Per quale progetto poi?.

Quando a Roma hanno cominciato a chiudere i piccoli distributori che erano situati troppo in prossimità di palazzi abitati (forse per nuove normative di sicurezza) non ho mica visto una mobilitaziondel genere da parte della associazioni di categoria.